Facebook

Zucchina pâtisson

Nome scientifico: Cucurbita pepo L. 1753 Var. patisoniana

Chiamata anche Zucchina patissone o Zucca estiva (in Italia), Ufo squash Pattypan squash (in inglese), Patisson Panaché (in Francia), la Zucchina pâtisson è schiacciata, generalmente ha 10 lobi ed è di colori diversi (Bianco, Giallo, Arancione, Verde, Variegata o Rigata).

La varietà più antica, coltivata già dalle popolazioni dei nativi americani sulle coste atlantiche, è la Patisson vert panache de blanche (varietà bianca variegata di verde) di cui si ha la prima rappresentazione nel 1591. Quelle monocolore attuali (Bianco, Giallo e Verde) derivano da un incrocio ottenuto in Francia a metà del 1800.

Le Cultivar esatte di questo tipo di zucchine sono: Cucurbita pepo var. patissoniana ‘Sunburst F1‘ (Gialla), Cucurbita pepo ‘Custard White‘, ‘Patina‘, ‘Orfeus‘ (Bianca a disco), Cucurbita pepo var. patissoniana ‘Moonbeam F1‘ (Bianco a coppetta), Cucurbita pepo var. patisoniana ‘Scallopini F1‘ (Verde)

Col sapore che si colloca tra quello dolce di una zucca e quello fresco di un cetriolo con note leggermente tendenti al carciofo, ha un gusto da arricchire per aiutarlo ad emergere. Va evidenziato come il loro sapore sia più accentuato al raggiungmento di 8-10 cm di diametro.

Come tutte le piante di zucca/zucchino sono piante rampicanti, per questo è consigliabile fornire un supporto dove possa arrampicarsi per evitare che i frutti vengano a contatto diretto con il terreno, rischiando di marcire

Fogliame :   Foglie larghe e reniformi, un po’ lobate , caduche, verde carico, con formazioni spinose sulle nervature della pagina inferiore e pelosità diffusa sulla pagina superiore.

Portamento :   Terofita scaposa, da “Teros”=Estate, è una pianta che svolge il suo ciclo vitale nella bella stagione e passa autunno e inverno allo stato di seme. Quindi è una pianta annuale con un asse fiorale allungato e privo di foglie (= scaposa). Cespuglioso.

Terreno :   Ben drenato e ricco di sostanza organica

Esposizione :   S

Famiglia :   Cucurbitaceae

Origine :   America centrale, in Europa dall’inizio del 1500

Altezza :   0,5 – 1 m (max 12m) Larghezza:    1 – 1,2 m

Fioritura :   Inizia a un mese dalla semina con fiori ialli o arancioni, campanulati e unisessuali (maschili e femminili) sulla stessa pianta. (IV – IX)

Caratteristiche :   Rustica resiste anche a temperaure intorno ai 15°C . Avendo origini tropicali, teme la siccità. Nelle estati più torride potrebbe essere consigliabile creare leggeri ombreggiamenti nelle ore centrali della giornata. Si può conservare per 2 o 3 mesi in luogo fresco e asciutto.

Stagionalità ornamentali :

Estate – grandi foglie e frutti colorati

Indicazioni :  Annaffiare regolarmente, ma senza eccedere.

Combinazioni in giardino : Fagiolo rampicante e cipolle/agli (comuni o ornamentali).

 

Come si usa la zucchina Patisson:

Pur avendo un apporto calorico bassissimo (circa 20 kcal per 100 g), è ricca di sali minerali e vitamine.

Come la zucca, garantisce un’ottimo contenuto di pro-vitamina A (Beta-carotene), per una perfetta abbronzatura durante le vacanze, ma utile anche per  il sistema immunitario in generale, per metabolizzare il ferro, tenere in salute i tessuti e per la visione notturna. Contiene inoltre le vitamine C e B9 e gli antiossidanti luteina e zeaxantina, oltre ad essere un’ottima fonte di potassio, utile per il sistema nervoso, la funzionalità muscolare e per il controllo della pressione sanguigna.

Si accompagna bene al pesce, ai frutti di mare e alle carni bianche.

Può essere preparata:

  • ripiena
  • a carpaccio (da piccola)
  • al vapore
  • al forno – Rimuovere il picciolo e dividere in 4 lo zucchino poi farne fette da 0,5cm. Cospargere tutto con olio d’oliva. Miscelare in una terrina briciole di pane, parmigiano, sale e pepe. In una teglia disporre le fette di zucca in modo ordinato, cospargere con la miscela ottenuta, coprire la teglia con un foglio di carta forno e cuocere in forno (preriscaldato a 180°C) per 30 minuti. Rimuovere la carta forno e proseguire la cottura per altri cinque minuti fino a che la crosticina superiore non sfrigola e diventa croccante.
  • grigliata
  • bollita
  • in zuppa estiva – Condire 230 g di tofu extra solido (a cubetti di 1 cm) con un pizzico di sale e poco olio. Passarlo in padella per 5 minuti a fuoco medio-alto, fino a che i cubetti su un lato siano dorati. Rutare i cubetti e continuare a cuocerli fin quando saranno dorati su tutti i lati. Mescolare in una pentola 1 cucchiaio di pasta curry tailandese rossa con 3 cucchiai di olio d’oliva fino ad averli ben amalgamati. Riscaldare questo impasto a fuoco medio per circa 1 minuto. Aggiungere 3 grossi scalogni tritati e salati finché non diventano teneri. Aggiungere 700 g di Patisson (a pezzi di 2 cm) e 350 g di patate non sbucciate (tagliate a cubetti). Cuocere per pochi minuti, finché la Patisson inizia a diventare tenera. Aggiungere 4 spicchi di aglio tritato, quindi aggiungere 500g di brodo vegetale. Portare ad ebollizione e poi cuocere a fuoco basso per 15 minuti, mescolando di tanto in tanto, fin quando le patate diventano tenere. Servire aggiungendo i crostini di tofu.
  • in umido
  • saltata in padella
  • in vellutata – Pulire le zucchine e tagliarle a pezzi. Far soffriggere degli scalogni in una padella, aggiungere le zucchine e del sale. Cuocere fino a che non si siano ammorbidite. Frullare il tutto con un filo d’olio fino ad ottenere la crema liscia desiderata.
  • alla greca – Scottare le zucchine (80 g/cad) per 4 minuti (finché saranno al dente) in acqua bollente salata. Sgocciolare e passarle in acqua fredda corrente (fermando così la cottura e fissando il colore). Mettere le zucchine in padella con vino bianco, succo di limone e acqua di cottura. Aggiungere timo, una foglia di alloro e lasciar cuocere a fuoco lento per circa 10 minuti (senza coperchio). Togliere le zucchine e far ridurre della metà il liquido rimasto riportandolo ad ebollizione per 8-10 minuti circa. Passare al setaccio la riduzione, aggiungere olio d’oliva e farla cadere sulle zucchine. Servirle a temperatura ambiente.

In TV (ormai i canali ed i programmi di cucina sono innumerevoli) c’è chi l’ha usata per ottenere uno zabaione da accompagnare al tonno scottato.

Ti piace? Con 1 click aiuterai questo sito a crescere 🙂 Condividi, grazie!
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
Linkedin
Share on email
Email
Share on print
Print
Share on whatsapp
Whatsapp